Ginnastica

La ginnastica è adatta a tutti, a tutte le età

Movimento – Flessibilità e forza fisica

Dolore alla schiena, rigidità del collo e gambe pesanti, chi non li ha mai avuti? Per evitare di arrivare a questo punto, sarebbe sempre opportuno fare dell'attività fisica di mantenimento. Ci sono moltissime attività sportive, alcune dai nomi particolari da cui non sempre è facile capire di cosa si tratti. Di base, possiamo distinguere tra attività con o senza musica, con o senza coreografia, con o senza attrezzatura, da svolgere individualmente o in gruppo (Fonte: “Gesundheitsmagazin”, 22.11.2013). Rispetto agli sport di resistenza, in cui si allena principalmente l'apparato cardiovascolare, l'attività fisica di mantenimento punta al rafforzamento e all'allungamento della muscolatura.

Cosa scegliere

Le possibilità di attività sono numerose: possono avere come obiettivo quello di allenare tutto il corpo oppure concentrarsi su aree specifiche: pancia, gambe, glutei, schiena e circolazione. Le neomamme frequentano spesso le lezioni di ginnastica postnatale per tornare in forma, gli amanti degli sport in acqua possono fare acquagym e chi ama la neve può dedicarsi allo sci. Per avere un corpo flessibile, si può praticare stretching, oppure ancora ci sono l'aerobica, lo yoga e il Pilates. E non bisogna dimenticare la fisioterapia, che ha un ruolo essenziale nel trattamento di molti disturbi.

Quali sono i benefici?

Praticare attività fisica regolarmente aiuta ad alleviare i sintomi in modo duraturo e sentirsi bene con se stessi e con il proprio corpo. L'esercizio fisico rafforza e allunga i muscoli e migliora l'interazione tra i diversi gruppi muscolari, oltre a contribuire al rafforzamento dei muscoli meno utilizzati e a migliorare l'equilibrio posturale. Lo stretching scioglie la tensione muscolare e riduce lo stress. (www.apotheken-umschau.de)

Pronti per partire

Se non fate sport da molto tempo, chiedete prima un consulto al vostro medico. Insieme potrete stabilire il grado di allenamento ed il tipo di attività fisica più adatta a voi. Con il suo ok, potrete fare l'esercizio fisico che vorrete e dove vorrete: in palestra, a casa o persino in ufficio durante la pausa. Per allenarvi vi potranno essere di aiuto DVD, riviste, tv e internet e non è necessario investire grandi cifre in abbigliamento sportivo: un paio di pantaloncini, una maglietta, un tappetino e via, pronti per partire. In alcuni casi non c'è neanche bisogno di comprare delle scarpe da ginnastica. Ricordate però sempre di capire qual è il vostro limite, soprattutto all'inizio: un esercizio fisico dosato in modo corretto è molto più divertente!

Esecuzione corretta

Quando si fa ginnastica, bisogna assicurarsi che gli esercizi vengano eseguiti nel modo corretto, altrimenti sono più dannosi che altro. Quando si fanno delle flessioni, ad esempio, bisogna stare attenti a non ruotare il bacino troppo indietro nel tornare su. Gli esercizi di stretching devono essere eseguiti delicatamente, altrimenti si rischia di lacerare muscoli, tendini e legamenti. Per stare tranquilli, potrete allenarvi direttamente in palestra, dove il personale specializzato controllerà se eseguite gli esercizi nel modo giusto e vi correggerà se necessario.  Se invece vi allenate a casa da soli, è consigliabile affidarsi a DVD o guide su internet specializzate, seguendole nel modo più fedele possibile (Gesundheitsmagazin, 2012). Anche avere uno specchio per osservarsi ed eventualmente correggersi può essere un buon trucco.

Attività fisica: allenarsi senza rischi (o quasi)

La ginnastica in generale è un tipo di sport associato ad un  basso rischio di trauma o lesione, anche se traumi a muscoli, tendini, articolazioni e legamenti possono qualche volta capitare. In questo caso, i dispositivi medici medi come Levamed o Levamed active possono essere di grande aiuto nel sostenere i muscoli e le articolazioni. E' sempre consigliabile indossare questi dispositivi medici quando si è in movimento e toglierli quando si sta seduti o durante la notte. Questi supporti stabilizzano la zona traumatizzata e danno sollievo alla parte dolorante, sia che si tratti della spalla, del braccio, del ginocchio oppure della caviglia. Aiutano anche a riacquistare velocemente la mobilità e ad evitare posture di compensazione. I supporti non solo non provocano atrofia muscolare (perdita di massa muscolare) ma piuttosto sollecitano l'intero apparato locomotore.

Rate this Content

 
 
 
 
 
 
 
Rate
 
 
 
 
 
 
0 Rates
0 %
1
5
0